Il modulare del gruppo CV19 è in continua espansione, attualmente sono disponibili oltre 50 moduli che permettono uno sviluppo lineare di oltr 100 metri. I moduli provengono da tutto il nord italia: sono rappresentate al momento le province di: Imperia,Genova, Torino,Vercelli, Bergamo, Brescia, Pavia, Modena, Bologna, Venezia, Pordenone; un modulo proviene da Roquebrune Cap Martin in Francia Tutti i moduli sono in scala H0 e rispettano gli standard fremo (vedi www.fremo.it) ed adottano il profilo B96, profilo collinare.
La linea è rigorosamente singola ed il 90 % dei moduli è elettrificato.
E' stato scelto di standardizzare anche il ghiaino della massicciata,il ghiaino dei camminamenti, il colore del manto erboso, ed il colore del profilo esterno al fine di dare continuità ai moduli.
Oltre ai moduli di piena linea sono stati costruiti moduli rappresentanti due stazioni di transito a tre binari (Misato e Borgo sul Serio),una stazione a binario unico (Ca de Limon), una stazione di testa a 5 binari (Torre San Giacomo), una fonderia, un mulino, uno scalo merci (ispirato a Bologna San Donato) permettendo un buon traffico ferroviario ed una notevole varietà di manovre.
Naturalmente l'esercizio è in DCC e tutti i moduli sono forniti dell'elettronica necessaria a segnalare che quella tratta di binario è occupata da un treno. Le stazioni sono gestite con software per la gestione degli itinerari.
Ecco la disposizione dei moduli nella prima uscita ufficiale il 2-3 dicembre 2006 a Verona nel corso del model Expo. (vedi http://cv19.altervista.org/4images/details.php?image_id=496) Dopo 4 anni il numero dei moduli è raddoppiato: qui si può vedere lo schema di disposizione dei moduli nella nel corso del model Expo 6-7 marzo 2010 sempre a Verona (vedi http://cv19.altervista.org/images/verona-2010_6c.jpg)